• Riccardo Pierangelini

L’investimento è personale

Sentiamo dire quotidianamente che per poter valorizzare i nostri risparmi è necessario investire nel modo corretto.

Eppure le liquidità ferme sul conto corrente continuano a lievitare sfiorando i 2.000 miliardi e la predisposizione degli Italiani al risparmio rischia di non essere premiata a causa di una crescita dell’inflazione che nel mese di Ottobre ha superato il 2,5%.

Molto importante e centrale in questa fase economica è proprio la figura del Consulente che sappia consigliare il miglior percorso per poter investire una somma già esistente o per poterne costruire nel tempo.


Per farlo ci sono alcuni aspetti che non si possono tralasciare:

  • Orizzonte temporale: sapere “tra quanto tempo” avrò bisogno dei miei risparmi è fondamentale per poter pianificare il giusto percorso di investimento e per poter bilanciare gli strumenti che si andranno ad utilizzare;

  • Capacità di risparmio: conoscere le abitudini ed il tenore di vita per poter calcolare come quota di risparmio quella “cifra comfort” che mi permetta di costruire o gestire un capitale nel tempo tenendo conto anche degli imprevisti che possono riguardare la quotidianità;

  • Profilo di Rischio: i rischi assicurativi e finanziari vengono classificati con dei punteggi da 1 a 7 dove 1 è “basso rischio” e 7 “alto rischio”. Il profilo di rischio è utile per quantificare le aspettative del nostro investimento ed il grado di sopportazione che voglio avere alle oscillazioni del mercato.


Per poter scegliere il proprio investimento con la massima attenzione è quindi fondamentale valorizzare questi aspetti prima di poter prendere una decisione lineare alle proprie abitudini ed Aspettative.



64 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti